Diventare Genitori: Crescere figli sereni e sicuri di sé

Amore, fiducia, sicurezza e ottimismo: sono queste le cose che tutti i genitori vorrebbero trasmettere ai propri figli, ma riuscirci non è per niente semplice.
Quando si aspetta un figlio ci si fanno sempre un milione di domande: “riuscirò a dargli l’amore di cui ha bisogno?”,

“ce la farò a lavorare senza sentirmi una madre snaturata?” e tante altre ancora.

La maggior parte dei futuri genitori quindi percepisce i mesi che precedono la nascita del bambino come un periodo emotivamente impegnativo. Spesso emergono paure riguardo al parto e a future malattie del nascituro. In questa fase i genitori si trovano a ripensare alle proprie esperienze infantili: analizzano criticamente il rapporto con i genitori, riaffiorano ricordi positivi e negativi. Molti cercano di capire se seguire l’esempio dei propri genitori o prendere strade diverse.

Come sviluppare quindi un rapporto con il proprio bambino basato sulla fiducia e sull’ amore?

Come costruire un legame sicuro? Questo tipo di legame ha effetti positivi non solo sul rapporto genitori-figli ma anche sullo sviluppo fisico, psicologico e sociale del bambino.

John Bowlby negli anni cinquanta descrisse la modalità secondo cui un bambino nel primo anno di vita sviluppa un forte legame emotivo con la principale figura di attaccamento (nella maggior parte dei casi con la madre).

Nei momenti di sconforto, di paura e di dolore il bimbo cerca conforto in questa figura. La priorità assoluta è sempre il bisogno di sicurezza nel rapporto e solo quando questo bisogno viene appagato nasce il desiderio e la curiosità di conoscere il mondo e di esplorarlo.

È così che la principale figura di attaccamento del bambino fa da “porto sicuro” in cui rifugiarsi quando si è in pericolo.

I bambini con legami sicuri superano meglio i conflitti, sono più socievoli e di solito hanno minori difficoltà di apprendimento.

Quando questo bisogno di sicurezza viene trascurato i bambini sviluppano sentimenti insicuri o ambivalenti nei confronti dei genitori, provando così livelli eccessivi di stress e angoscia.

Nei primi mesi di vita è molto importante quindi che la figura di attaccamento sia sempre a disposizione del bambino: è davvero eccessivo chiedere ad un neonato di regolare da solo le proprie emozioni, come la paura prima di addormentarsi, che impara a gestire se all’inizio c’è un genitore che lo aiuta. È fondamentale allora per i genitori acquisire la sensibilità ai segnali del bambino: a riconoscerli, ad interpretarli correttamente e ad agire di conseguenza.

Come può aiutarti Mama Chat?

Mama Chat offre un ascolto empatico e una competenza in ambito psicologico anche per tutte quelle domande che una mamma o un papà possono avere nelle diverse fasi di vita dei figli, aiutandoli così a far emergere le competenze e le risorse necessarie per i compiti genitoriali.

Mama Chat ha un team dedicato di esperte psicologhe disponibili al supporto gratuito via chat e al supporto psicologico tramite video-terapie, equivalenti al supporto in uno studio, rivolto solo a maggiorenni. Scrivici!

SOSTIENICI

OGNI DONAZIONE PER NOI È IMPORTANTE